Lunedì grigio?



Il recente cambiamento meteorologico ha influenzato l’umore di tutti noi, ed il solo pensiero della fine dell’estate fa accapponare la pelle!
Proprio alla nostra pelle si rivolge la tattica a contrasto del grigiore dato dal maltempo: non lasciamo andare la tintarella lasciata dalle vacanze, conserviamola con semplici accorgimenti che la faranno durare più a lungo!
Sarà che mi abbronzo poco, che non amo stare al sole, il colore che ottengo e’ sempre un evento straordinario, e mi piaccio di più quando sono un po’ dorata… Quindi sono agguerritissima nel conservare l’abbronzatura!
Non e’ mai troppo tardi per fare docce tiepide con detergenti delicati, l’ottimale e’ un olio lavante dalle proprietà idratanti ed emollienti (es. Nivea).
L’arma segreta e’ pero’ l’autoabbronzante!
La scelta tra quelli ad azione progressiva (es. Dove, J&J, Avon Skin So Soft) e quelli classici, dipende dalla situazione colore della pelle. Se si vuole contrastare la perdita dell’abbronzatura, un idratante ad azione graduale può essere la soluzione ideale, il colore si rafforza di giorno in giorno senza drammatici cambiamenti.
Quando invece proprio non ci fosse abbronzatura da salvare, un classico autoabbronzante garantirà la tintarella in poche ore. I miei prodotti preferiti in assoluto sono quelli che colorano immediatamente, ossia le Gocce Magiche di Collistar e lo spray Autoabbronzante Colorato di Sephora.
In entrambi i casi si ha un effetto immediato, perfetto quando si debbano indossare abiti che rivelino spalle, braccia o gambe non ancora abbronzati. Trovo molto comodo lo spray perché applicazione può essere ripetuta, permette effetti di chiaro scuro molto facili da ottenere anche senza spalmare il prodotto. Tipicamente eseguo più passaggi su spalle e décolleté.
Alcuni semplici accorgimenti ci permetteranno di ottenere un bel colorito senza brutte sorprese:
– esfoliare delicatamente la pelle con particolare attenzione alle parti più ruvide, gomiti, ginocchia, caviglie; una leggera passata di crema idratante impedirà a queste zone di assorbire troppo prodotto e di scurire eccessivamente;
– per l’applicazione utilizzare guanti di lattice o di gomma tagliati all’altezza del polso, in modo che il palmo delle mani non assorba prodotto.
Non occorre raccomandare un’applicazione attenta e scrupolosa!
Uso prodotti autoabbronzanti da almeno 20 anni… Il primo fu un prodotto di Vichy che ai tempi era un po’ la pioniera, mentre il secondo fu un Lancaster… Negli anni, pur restando uguale la base, le case cosmetiche hanno introdotto miglioramenti alla formulazione, e di norma i prodotti ora in commercio sono ottimi.
Eventuali differenze saranno nell’intensità del risultato.
Personalmente non credo che le temutissime macchie dipendano mai dal prodotto, quanto piuttosto da una cattiva applicazione. Prendiamoci quindi 10 minuti per noi stesse.
Bentornata abbronzatura…

(immagine cortesia di http://www.ilmeteo.eu)

Inserito da

Questo articolo è tratto da un comunicato stampa arrivato in redazione.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

© Copyright - Makeup facile by NetPropaganda - Wordpress Theme by Kriesi.at